6 Consigli per perfezionare la tua strategia di prezzo

In qualità di ristoratore, sei certamente consapevole dell’importanza di un prezzo adeguato. Che il prezzo sia troppo alto o troppo basso, il risultato è lo stesso: rischi di vendere la tua attività in men che non si dica. È quindi fondamentale applicare un’attenta strategia di prezzo. Quale faccia al caso tuo dipende in larga misura dal concept del tuo ristorante. Dal fast food al ristorante di fascia alta, ogni tipo di locale ha le proprie regole da seguire. Ma quali regole applicare dove? E perchè? È proprio per rispondere a queste domande che abbiamo pensato a questo blog, servendoti 6 consigli e trucchi, per ristoranti di alto livello e fast-food. Dopo tutto, ogni centesimo risparmiato è un centesimo guadagnato, quindi armati di calcolatrice e immergiti nella lettura!

Consiglio 1: Fatti un po’ di conti

Indipendentemente dal tipo di ristorante, questa regola è sempre valida: assicurati che il prezzo dei piatti copra dal 130 al 135 % del costo della materia prima. Ciononostante, un prezzo più alto non si traduce automaticamente in profitto maggiore. Devi tenere in considerazione anche i costi di acquisto e preparazione. Inoltre, è necessario imparare l’arte della porzionatura, al fine di ridurre costosi sprechi. Risparmiare sugli ingredienti consente di ridurre i costi e aumentare i guadagni.

Consiglio 2: Trucchetti di marketing

Conosci a memoria il tuo concept e i tuoi clienti target? È qualcosa di fondamentale se vuoi attuare una strategia di prezzo perfetta. La tattica deve calzare sia dal punto di vista del concept del ristorante sia dei clienti a cui ti rivolgi. Qui sta la prima grossa differenza tra un ristorante di fascia alta e un fast food, ed ha a che fare con un aspetto piuttosto ordinario del tuo menù: i decimali. Queste cifre apparentemente insignificanti a destra della virgola hanno un potente effetto psicologico. Regola generale: se gestisci un fast food, non arrotondare i prezzi! Se un piatto sul menù costa 4,99 il tuo cliente leggerà 4, invece di poco meno di 5. Non chiederci come funzioni esattamente, ma questo è un trucchetto efficace da applicare al proprio listino.

Conduci un ristorante di lusso o di alta fascia? Non esitare a eliminare i decimali e optare per 20 anziché 19,99. Ti senti ancora più audace? Ometti anche il simbolo della valuta. I tuoi clienti lo interpreteranno come una dimostrazione di profonda sicurezza. E giustamente. Desideri che i tuoi clienti si concentrino sul menù piuttosto che sul prezzo? Elimina anche la colonna con i prezzi e piazzali direttamente a fianco delle voci. È un modo perfetto per far focalizzare i tuoi clienti sulle tue delicatezze, invece che sul freddo confronto dei prezzi.

Consiglio 3: Il menù fisso

Il pranzo costituisce un momento critico? Il tuo ristorante è gremito di gente durante festività come Natale e Pasqua? Il tuo locale è una meta altamente gettonata a San Valentino? Fai un favore a te stesso e ai tuoi clienti, introducendo il menù fisso. Questa strategia ti consente di:

  • Creare un menù trasparente e vantaggioso per i tuoi clienti.
  • Garantirti un’apprezzabile quantità di tempo durante turni di lavoro intenso. Il menù fisso, infatti, ti consente di preparare i piatti in anticipo, e di guadagnare tempo per i pochi compiti ancora rimasti.
  • Offrire un servizio efficiente ai professionisti che affollano il tuo ristorante nelle ore di punta. Un menù fisso servito in tempi rapidi, consente loro di godersi il pranzo in tranquillità prima di ritornare al lavoro. Ritorneranno sicuramente per un’altra pausa pranzo.

Consiglio 4: Promuovere o non promuovere, questo è il dilemma.

Mentre l’aspetto più importante in un ristorante di fascia alta è la creazione di un’esperienza gastronomica e l’offerta di piatti di eccellente qualità, un buon rapporto qualità prezzo è ciò che conta per i clienti di un fast food. I ristoranti che accolgono una clientela attenta al denaro, possono certamente trarre profitto da piccole attività promozionali. Servi a questo tipo di clienti dei menù a prezzo speciale o piatti con un prezzo accattivante.

Ma occhio alle trappole! Non trasformare i tuoi piatti chiave in articoli promozionali abbassandone temporaneamente il prezzo, altrimenti i tuoi clienti non li acquisteranno più al vecchio prezzo. Lo percepiranno, infatti, come un aumento. Al fine di evitare questo problema, promuovi sempre dei piatti speciali, che non sono parte del tuo regolare menù, ma che ti faranno sicuramente emergere rispetto alla concorrenza.

Consiglio 5: Usa la psicologia svedese

Prendi a prestito qualche trucco dal più vicino negozio Ikea. E non sto parlando delle polpette svedesi! L’Ikea intelligentemente suddivide i propri prodotti in differenti fasce di prezzo per servire le proprie, differenti categorie di clienti: alta, media o bassa. Molti clienti sono psicologicamente programmati per scegliere la fascia intermedia, percepita come più sicura. Usa questa conoscenza a tuo vantaggio:

Crea un menù che offra un ventaglio di scelte, di basso, medio e alto prezzo

Anticipa il bisogno del cliente di optare per la scelta intermedia e conferisci maggiore enfasi al menù di fascia media. Fai in modo che diventi un piatto vincente, con costi e ricavi in sincronia, e con le caratteristiche culinarie adatte a renderlo uno dei piatti preferiti dai tuoi clienti. Questo piatto può trasformarsi in una gallina dalle uova d’oro. Il tuo obiettivo è venderne la maggior quantità possibile al prezzo più conveniente. Trasformalo in un’opzione attraente per i clienti attenti ai prezzi: diventerà attraente anche per i tuoi profitti.

Consiglio 6: Gestisci i tuoi generatori di margine

Ricava il massimo dal tuo menù, creando dei generatori di margine! Fai in modo che i tuoi ospiti aggiungano contorni alla portata principale, ricavando extra profitto. Nel farlo, però, tieni a mente i seguenti punti:

  • Evidenzia o i piatti principali o i contorni, mai entrambi. Quale scegliere tra i due, dipende dal concept del tuo ristorante.
  • Completa l’offerta di accattivanti piatti principali, proposti a un prezzo ragionevole, con una varietà di contorni. Ciò migliorerà l’esperienza culinaria del cliente e allo stesso tempo ti consentirà di aumentare le tue vendite. Tuttavia:
  • Non sovraccaricare il cliente, riservandogli una spiacevole sorpresa a fine pasto. Gli extra possono far lievitare vertiginosamente il conto, causando quello che in inglese viene definito “Bill shock”. Sii trasparente con i prezzi, altrimenti rischi che i clienti, scioccati, non ritornino più.

In conclusione: una strategia di prezzo ben studiata può fare meraviglie in qualsiasi locale, sia in un ristorante di alto livello sia in un fast food. Qualsiasi sia la strategia da te scelta, assicurati che calzi a pennello con il concept del tuo ristorante e ogni aspetto della tua attività e della clientela. Infatti, se uno degli elementi fondamentali viene a mancare, i tuoi clienti non potranno fare a meno di notarlo, rendendo del tutto vana la tua strategia. Questi 6 consigli sono sicuramente efficaci, ma la raccomandazione più importante è rimanere fedeli a sé stessi. Segui i consigli che fanno al caso tuo e andrai alla grande!

Sei sempre aperto a nuovi suggerimenti per rilanciare la tua attività e rendere felici i tuoi clienti? Seguici su e ti terremo sempre aggiornato!